Pedoni, ciclisti e motociclisti il 70% delle vittime di incidenti stradali

Lo afferma uno studio dell’ETSC – European Transport Safety Council

Il tema prioritario per l’Unione Europea e per i Paesi europei nei prossimi dieci anni dovrà essere la sicurezza stradale nelle aree urbane. Ad affermarlo è l’ultimo studio dell’ETSC – European Transport Safety Council, secondo cui i morti sulle strade urbane – anni 2010/2017 – sono diminuite di circa la metà rispetto ai decessi registrati sulle strade extraurbane. Pedoni, ciclisti e motociclisti – le categorie più vulnerabili – costituiscono il 70% delle persone uccise o gravemente ferite in città

credits: https://www.repubblica.it/motori/sezioni/attualita/2019/06/14/news/pedoni_ciclisti_e_motociclisti_il_70_delle_vittime_di_i-228741150/

Bosch, il futuro è nelle connessioni

credits: http://motori.corriere.it/motori/anteprime/19_giugno_13/bosch-futuro-connessioni-34063a0c-8de8-11e9-bd73-fad8388dc5ff.shtml

La mobilità al centro della sesta edizione del ConnectedWorld. Sharing, guida autonomia, efficienza. L’obiettivo? «Migliorare la qualità della vita»

Berlino La vecchia stazione dei treni ora è adibita a spazio culturale per eventi e manifestazioni. Un luogo che ora accoglie il futuro senza confini geografici disegnato dalla rete. Fuori un grande cartello con scritto Bosch CennectedWorld 2019. «Siamo entrati in una nuova era, anche noi ci togliamo la cravatta perché è cominciata la trasformazione e Bosch ne fa parte».

redits: http://motori.corriere.it/motori/anteprime/19_giugno_13/bosch-futuro-connessioni-34063a0c-8de8-11e9-bd73-fad8388dc5ff.shtml

Ibride: 10 regole per consumare poco

credits: https://motori.corriere.it/motori/ibrido/notizie/ibride-10-regole-consumare-poco-d18e9d70-bd87-11e6-baf7-67c98c233e3d.shtml

Nessuna manovra brusca. Piede leggero. Scegliere la modalità di guida più «eco». Limitare il carico. E l’uso (ma senza esagerare…) di tutto ciò che assorbe energia…

Nonostante comincino ad avere una diffusione piuttosto ampia, le auto ibride sono per molti ancora un oggetto misterioso. Credere che siano complicate da usare è però sbagliato. Certo, a bordo hanno tanta tecnologia, ma tutto è a misura d’uomo e a prova di neofita. La prima volta al volante ci si può comportare come se si stesse guidando una qualsiasi auto a cambio automatico. E lo stesso vale se si vuole andare semplicemente da un posto a un altro: non serve alcun accorgimento particolare. Lo scenario cambia invece per chi volesse sfruttare al meglio il sistema ibrido per tagliare drasticamente i consumi. In questo caso occorre tener presente qualche trucchetto, anche se alcuni consigli sono poi gli stessi che si potrebbero dare anche a chi guida una vecchia Bianchina. Vediamoli in dettaglio, raccolti in un decalogo. 

credits: https://motori.corriere.it/motori/ibrido/notizie/ibride-10-regole-consumare-poco-d18e9d70-bd87-11e6-baf7-67c98c233e3d.shtml

Airbag da moto senza giubbotto: arriva il gilet

Dalla Dainese un modello che non richiede connessioni con la moto e che si indossa sopra o sotto qualsiasi giacca 

Dalla MotoGp alla strada: questo il percorso della nuova Smart Jacket della Dainese che usa infatti la stessa tecnologia D-air di Valentino Rossi e soci. Ma qui – ed è questa la novità – tutto è concentrato nel primo gilet airbag con tecnologia che può essere indossato sopra o sotto qualsiasi giacca senza che richieda alcun tipo di connessione con la moto.

“Smart Jacket – spiegano infatti alla Dainese – è il risultato di oltre venticinque anni di ricerca sul sistema D-air e condensa in un unico capo il massimo della tecnologia airbag per moto, la stessa utilizzata dai piloti di MotoGP , con il massimo della versatilità e facilità di utilizzo.

credits: https://www.repubblica.it/motori/sezioni/moto/2019/06/18/news/airbag_da_moto_senza_giubbotto_arriva_il_gilet-229070037/

Auto elettriche: in Svezia va in crisi il sistema

L’ambizioso piano governativo di puntare sulle vetture a zero emissioni per ridurre l’impatto dei trasporti sull’ambiente si scontra con la difficoltà di garantire la ricarica elettrica nelle principali città.

Grazie al sostanzioso contributo statale, che si accompagna ad una politica chiaramente orientata alla limitazione delle vetture con motore termico (vedi qui), in Svezia le vendite di vetture elettriche si sono impennate di ben il 253% nei primi cinque mesi dell’anno; ma la festa potrebbe essere già finita, ancor prima che sia davvero cominciata.

credits: https://www.automoto.it/news/auto-elettriche-in-svezia-va-in-crisi-il-sistema.html