IL LAVAGGIO DELLE STRADE RIDUCE IL PM10 FINO AL 60%

Un recente studio rileva che il lavaggio del mando stradale ridurrebbe il PM10 con benefici superiori al blocco della circolazione delle auto a motorizzazione diesel. I dati parlano di una riduzione di PM10 fino al 60%.

(di A.Ferrari)

E’ diventata ormai una consuetudine che quando la qualità dell’aria delle nostre città, monitorata attraverso le numerose centraline sparse sul territorio, diventa irrespirabile con valori oltre la soglia di attenzione, le istituzioni intervengono disponendo i blocchi del traffico e della circolazione delle auto ritenute più inquinanti, partendo da quelle con motorizzazione diesel. Già in un precedente articolo abbiamo spiegato, attraverso dei dati estrapolati da studi scientifici, come le motorizzazioni diesel di ultima generazione, che per comodità chiameremo Diesel Euro 6, producano emissioni ridotte, spesso in modo sensibile rispetto ai veicoli a benzina superiori ai 10 anni.

Ricordiamo inoltre che è errato incolpare esclusivamente la categoria dei trasporti, come riteniamo assolutamente sbagliato pensare di attivare sporadici blocchi del traffico, circoscritti e discontinui che non risolvono la problematica dell’inquinamento nel breve – lungo periodo.

Ripropongo un recente esempio relativo agli inutili provvedimenti presi dalle amministrazioni di città come Torino e Roma, i cui divieti di circolazione per i diesel euro 5 e euro 6 non hanno portato, come abbiamo potuto constatare, ad alcuna evidenza tangibile in termini di riduzione dell’inquinamento col risultato che il valore registrato nei giorni di blocco da alcune delle colonnine di rilevazione è risultato più elevato che nei giorni senza il divieto.

Recenti studi dimostrerebbero invece che in periodi con scarse/assenza di precipitazioni e concentrazioni elevate di PM10, il lavaggio delle strade potrebbe rappresentare una soluzione alquanto utile, anche se non definitiva, comunque migliore rispetto a quelle finora adottare della nostra amministrazioni comunali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...