Auto elettriche: la ricarica potrebbe costare cara.

Aumentano i prezzi presso alcuni fornitori con il passaggio dal piano di flat a consumo. Sono comunque previste talriffe agevolate alle aziende consorziate.

Il 31 gennaio è la data che segna la fine del periodo di test da parte della Ionity, la rete di ricarica veloce fino a una potenza di 350 kW per i veicoli elettrici nata dalla joint-venture tra BMW, Mercedes, Ford, gruppo Volkswagen e il gruppo Hyundai. In coincidenza con il termine della fase di lancio, che prevedeva una tariffa flat da 8 euro a sessione dove l’utente poteva ricaricare indifferentemente dalla quantità dei kWh, la Ionity ha deciso di passare a un piano che prevede un prezzo di 0,79 euro a kWh. Questo significa che fare il pieno ad una Jaguar I-Pace, per esempio, costerebbe 71 euro per un’autonomia media rilevata di 322 km.

I PREZZI DEGLI AFFILIATI – Questa variazione tariffaria sarà però decisamente più mite per i marchi automobilistici che, oltre a far parte del consorzio, hanno in essere contratti specifici che garantiscono loro condizioni tariffarie concordate per i pacchetti forniti ai clienti delle case al momento dell’acquisto, che consentono quindi prezzi più bassi rispetto agli iniziali 0,79 euro al kWh. Rientrano tra essi il Charging Service dell’Audi e-tron (i clienti pagano 0,31 euro/kWh), il me Charge della Mercedes (0,29 al kWh), il ChargeNow della BMW, il Charging Service della Porsche (entrambe a 0,33 al kWh) e il WeCharge della Volkswagen. 

L PARAGONE TESLA – Facendo un paragone con la Tesla, l’azienda americana nella sua rete di ricarica proprietaria Supercharger, accessibile solo ai clienti, applica una tariffa base di 0,30 euro a kWh. I possessori dei primi esemplari della Tesla arrivati sul mercato beneficiano dell’accesso gratuito a vita ai Supercharger, e quindi alle ricariche gratis. Attualmente però questa promozione non viene più offerta e ad esempio i clienti della Model 3 ricaricano sempre alla tariffa di 0,30 euro. Come ulteriore paragone la rete Enel X ha una tariffa di 0,50 euro al kWh.